Al via nuovo ciclo L’ATTESA E LA NASCITA

L’ATTESA E LA NASCITA
Schermata 2014-10-25 a 00.18.55

4 Incontri di due ore teorico-esperienziali per accompagnarti  all’incontro con il tuo bambino.
Rivolto a te, in procinto di partorire e a chi ti accompagna.
Tra i temi:
– La nascita come evento biologico ed emozionale;
– fasi e tempi
– Bisogni e aspettative;
– come organizzarsi, cosa preparare, cosa chiedere…
– partorire in modo attivo
– Il ruolo di chi ti sta vicino
– le posizioni per facilitare il parto
– La nascita e i primi momenti insieme
– Genitori … di giorno e di notte: il grande cambiamento.
Presso e in collaborazione con Mamme in Sol via Giulia di Barolo 11, Torino
Info 3283072876
Costo: 120 a coppia

Sabato 5 Maggio 2018 – Presentazione “L’armonia della Nascita”

Immagine

Picture_20180420_114036577

Marta Campiotti, già autrice del libro Nascere dolce e allieva di Frédérick Leboyer, è ostetrica libera professionista a Varese, dove nel 2001 ha fondato la casa maternità Montallegro. È presidente dell’Associazione Nazionale Ostetriche Parto a Domicilio e Casa Maternità.

Attraverso un approccio circolare, teorico e pratico, fatto di racconti, preziose ricette e risposte alle domande più frequenti, l’autrice spiega come:

•trascorrere al meglio i trimestri della gravidanza
•aver cura di sé e del proprio bambino
•decidere in modo consapevole il luogo del parto
•affrontare la nascita con rispetto e serenità

“I bambini sanno nascere, le donne sanno partorire” è il suo mantra.

SHANTALA PER MAMMA – BIMBO

Essere portati, cullati, accarezzati, massaggiati, sono tutti nutrimenti indispensabili, per i bambini piccoli, come il latte di mamma.
Il massaggio dei neonati è un’arte antica e profonda. Semplice ma difficile, difficile perché semplice. Come tutto ciò che è profondo.
Come in tutte le arti, c’è una tecnica, che bisogna imparare e padroneggiare.
Il bambino deve essere completamente nudo, occorre che il massaggio sia fatto in un ambiente riscaldato. Il neonato non deve mai provare una sensazione di freddo.  Si potrà utilizzare dell’olio vegetale tiepido.   In India, le donne usano l’olio di sesamo in inverno, e l’olio di cocco d’estate
Schermata 2014-10-29 a 23.37.45La delicatezza, il ritmo, il rispetto con cui viene praticato aiutano il piccolo a superare il trauma della nascita.
La pratica, può svolgere una funzione terapeutica come alleviare le tensioni intestinali, donare calma e benessere, regolare i ritmi e il sonno…   Favorisce la relazione accompagnando il genitore all’ascolto e alla comprensione del suo piccolo.

Prossimo corso: lunedi 26 marzo 2018  dalle  10  alle 12
4 incontri a cadenza settimanale.
Presso: MAMME IN SOL via Giulia di Barolo 11, Torino
Informazioni e iscrizioni: gaudenziacaselli@gmail.com – tel. 3283072876

“Troppi parti medicalizzati: si agevoli la donna a partorire naturalmente (La Stampa)”: un mio commento

Era il 1980 quando sono uscite le prime linee guida sul parto… praticamente le stesse….
in trent’anni molte cose sono cambiate, almeno in alcuni ospedali, e le linee guida sono abbastanza seguite, a volte interpretate in modo molto curioso.
Ricordo che quando si cominciò a parlare di parto attivo, dove la donna potesse scegliere la posizione più comoda per partorire, in alcuni ospedali  venne interpretato come:” Usiamo lo gabello da parto per tutte le donne” , obbligando la gestante a una posizione alternativa a quella semi-supina  ma pur sempre imposta….
E nessuno riusciva a  notare il disagio di una donna in travaglio,  sola su una barella, senza un cuscino, senza nessuno a confortarla, fisicamente e psicologicamente….
Oggi le cose sono cambiate: molte donne si stanno arrabbiando per la poca attenzione umana ad un momento così importante,… di fronte a operatori sempre più concentrati a cercar sicurezza in rigidi  protocolli clinici,  diversissimi in ogni ospedale – ma le donne non lo sanno. E’ un fenomeno che troviamo in tutti gli ospedali del mondo, è la paura che succeda qualcosa, che muoia qualcuno…. è il senso di impotenza di fronte al mistero della vita e alla difficoltà di affrontarlo… ecco perché si sono tirate fuori dai cassetti le linee guida dell’OMS….
Dopo trent’anni c’è bisogno di ripensare ai troppi cesarei, alla solitudine relazionale in sala parto, all’incapacità di ascoltare i bisogni di una donna, al rispetto dei tempi e delle scelte.
Continuiamo a dimenticare che il corpo delle donne sa partorire, e che ogni donna sa accogliere… e’ solo questione di lasciarglielo fare, senza interferenze.

 

Buon Natale e felice anno nuovo

12366197_931790313537024_8727566389206372436_n

“Parlavo e soffiavo, a un colpo più forte una spallata di Ieshu, mi alzai di nuovo in piedi appongiandomi alla mangiatoia . Le bestie ruminavano tranquille, c’era pace.(…)Bel colpo Ieshu, un altro così e sei fuori, ecco ti aiuto, spingiamo assieme, le mani sono pronte a raccoglierti, via?”
Erri De Luca, Nel nome della madre

Nascere è un evento unico e sacrale, un mistero…. Una rivelazione…. Un miracolo.
Buon Natale e Buon nuovo anno!

 

Partorire: gli appartamenti creati per “essere come a casa.”

Immagine

Interessante infografica su #partoincasa e #casematernità pubblicata dal Corriere della Sera.Partorire: gli appartamenti creati per “essere come a casa.”La situazione in Italia è molto varia. 

Da 32 anni assisto il parto a domicilio. Ricordo l’inizio pionieristico, i gruppi di ostetriche che rapidamente si formavano in tutta Italia, le coppie che lo richiedevano… all’inizio era un’opportunità di nicchia, una richiesta proveniente da persone consapevoli e determinate, contrarie al modello ospedaliero.
Prevaleva la necessità di partorire nel rispetto dei tempi e dei propri bisogni, pur sostenute dall’attenta vicinanza di ostetriche in grado di distinguere l’insorgenza di complicazioni e di intervenire celermente. Oggi la diffusione si è ampliata un po’ a tutte le fasce culturali. Chi partorisce in casa, oggi, necessita di quelle procedure e di quello spazio che la struttura non può garantire.
Vediamo cosa dicono i dati e quali opportunità vengono offerte.

partorire-knuE-U4333034000941QrD-1224x916@Corriere-Web-Sezioni

Un mio commento sulla questione dei vaccini

È uscito il decreto ormai da giorni, per rendere obbligatorie 12 vaccinazioni nei bambini. compreso morbillo parotite e altre malattie benigne….
queste sono le reazioni:
http://www.altalex.com/documents/news/2017/05/12/vaccini-pronto-il-decreto-per-l-obbligo-a-scuola
Ma le malattie infettive infantili non erano considerate benigne? Quando i bambini si ammalano di una malattia come l’influenza, o il morbillo, o la parotite, in genere sviluppano una bella febbre che segnala che il corpo sta attivando delle difese per proteggersi attivando un processo di autoguarigione: l’aumento della temperatura crea le condizioni meno adatte al riprodursi di virus e batteri riducendo e in alcuni casi annientando la loro aggressività. Inoltre la malattia ferma il bambino: il calo di energia portato da debolezza e sonno, è il segnale che il corpo ha bisogno di riposo, attiva l’ormone della crescita e le difese immunitarie, si rafforza e si prepara alla guarigione.

Il rischio di complicazioni, è vero esiste, ma è molto più raro dei casi di guarigione. Sembra quasi che dalle notizie di questa “epidemia di morbillo” emani l’urlo di “Si salvi chi può”! Segnalandoci che è peggio della peste bubbonica….. ma io ricordo quando con tutta la mia generazione abbiamo fatto il morbillo… tre giorni di spossatezza e riposo assoluto, mal di gola, poi pian piano il risveglio, le pustoline, il ritorno dell’appetito, la voglia di guarire, il riposo ad oltranza per guarire veramente, le letture, i giochi nel lettone, i sogni, le fantasie, la noia, la convalescenza con giochi un po’ più di movimento, casette e costruzioni, la guarigione, il ritorno a scuola…
Le complicazioni in queste malattie sopraggiungono quando le difese sono particolarmente basse, l’alimentazione è scarsa e qualitativamente poco sana, non ci si ferma, ci si espone al freddo e a stress cronici…. Mi viene proprio da chiedermi, Ma quali interessi ci sono dietro questi vaccini? e se la risposta è la salute pubblica, la prevenzione… allora perché non diffondiamo a tappeto i principi per il mantenimento della salute: buona nutrizione, riposo e attività fisica?
Su Torino potete trovare le informazioni sulla manifestazione spontanea in queste pagine Fb:
https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10154998084300100&substory_index=0&id=272302395099
https://www.facebook.com/d4ny3L4

Si, troviamoci e sosteniamo la libertà di scelta, un altro tipo di prevenzione, più attiva e consapevole, rafforzata dall’informazione e da cure sostenibili!

Screenshot_20170601-163423

Dal latte alla pastasciutta

Cosa accade dopo i sei mesi? Quale approccio per accompagnare i nostri figli nei passaggi di crescita? Quali alimenti? Quando iniziare? Posso favorire la salute gustando   anche una bella bistecca o un piatto di patatine? …
Due incontri intensivi e un laboratorio di cucina, per riflettere sull’organizzazione di nuovi ritmi: pappe, nanne, distacchi e ritorno al lavoro, conciliazione di spazi e tempi in famiglia… con uno sguardo alla salute di grandi e piccini.

kaboompics.com_A healthy breakfast. Natural yoghurt with jam and fibre cerealsMercoledì 10 e 24 maggio h 11-14.30 presso il Centro Commensale Binaria via Sestriere n 34 Torino
I temi:

  •  Gattonando verso l’autonomia.
    I passaggi nel cibo, nel sonno e nell’ambiente: un tempo per iniziare.
  •  Dal latte alla pastasciutta…come incominciamo?
    Il rituale del pasto come momento educativo.
  • Alimentazione e salute nei piccoli e negli adulti.
    Il cibo nella prevenzione delle malattie del nostro secolo.
  • Lo svezzamento… dalla parte delle mamme
    Cosa può aiutare quando  lo svezzamento si conclude Gaudenzia Caselli, ostetrica, con uno sguardo alla cucina…

conduce: gaudenzia caselli, ostetrica

costi: 35 € a incontro:  incluso pranzo.
Iscrizioni ed informazioni: 3283072876

Manicaretti in famiglia

LABORATORIO DI CUCINA NATURALE
Mezza giornata insieme per apprendere piccoli segreti di cucina da integrare alla dieta mediterranea: per proporre ai nostri figli cereali, verdure, legumi, dolci … un po’ meno zuccherati. Pensiamo al gusto e … alla salute!!!

Schermata 2017-04-26 a 01.00.55

Al prossimo laboratorio proponiamo un MENU’ ESTIVO:

Tabulè di quinoa
Russian salad
Arrosticini di temphè allo zenzero
Pain au rouge
Kanten tuttifrutti

Prossime date 20 maggio h 10.30-14.00

info 3283072876 – Via San Massimo 17 Torino.